Erbe medicinali e salutari nel territorio baldense

Le Erbe Medicinali sono conosciute dall’uomo da tempo immemore attraverso l’osservazione della natura e la sperimentazione umana.

Alcuni botanici-pionieri (F.Calzolari, G.Pona, F.Seguier) dal ‘500 in poi ricercano le erbe nel territorio baldense e le fanno conoscere in Europa.

Sulle pendici del Monte Baldo s’incontrano innumerevoli specie, alcune coltivate, altre a crescita spontanea.

Il Rosmarino, Rosmarinus officinalis (Rugiada del mare) si coltiva negli orti e possiede numerose virtu’.Svolge un’ azione tonica generale, combatte l’affaticamento, l’ipotensione e la depressione. E’ rinforzante dei capelli ed epatoprotettore nonché coadiuvante contro le dermatiti.

La Salvia (Salvia officinalis), erba della salute, è coltivata per le sue proprietà antinfiammatorie, digestive, calmanti ed emollienti.

Il Tarassaco (Taraxacum Officinale) spontaneo nell’uliveto e nei prati manifesta virtù diuretiche, digestive, ipotensive, vitaminizzanti.

Il Timo (Thimus vulgaris),specie aromatica spontanea delle zone aride e dei muri a secco esercita un’azione antisettica, balsamica ed espettorante.

Durante l’estate sui liscioni rocciosi s’incontrano varie specie di Aglio (delle Bisce, delle Streghe, Grazioso, Orsino, Montano) con proprietà ipotensive e battericide. Risulta benefico sollievo alle affezioni polmonari.

La Malva (Malva silvestris) è un efficace antinfiammatorio di tutte le mucose. Fiori e foglie, a raccolta primaverile, svolgono un’azione emolliente, rinfrescante,lassativa,calmante, diuretica.

 L’Ortica (Ortica dioica) spontanea e infestante è ricca di proprietà medicamentose. La tradizione popolare la usa per la sua azione diuretica, emostatica, antiemorragica, antianemica e astringente. Manifesta buoni risultati usata contro forfora e caduta dei capelli, nella riduzione dell’ipertrofia prostatica. Combatte le pelli grasse.

Le Erbe Medicinali e Salutari sono un ”tesoro verde” da scoprire per tutti coloro che amano osservare, con occhio curioso, le meraviglie della Natura.

VERSIONE PDF 

Potrebbe interessarti