Durante l’ultima glaciazione il Monte Baldo era circondato dalle lingue glaciali del Garda e dell’Adige che si espandevano verso Sud a formare gli anfiteatri morenici del Lago di Garda e di Rivoli. Lo spessore del ghiaccio variava dai 1100 m, in corrispondenza di Riva, ai 500 m in corrispondenza di punta San Vigilio.

Da notare sulla sommità del Monte Baldo la presenza diffusa di circhi glaciali di vetta.

geomorfologia-baldo

Il Monte Baldo è costituito prevalentemente da rocce sedimentarie marine di tipo carbonatico, ed in particolare da calcari e da dolomie formatesi decine di milioni di anni fa. Tali formazioni sono state sottoposte a sollevamento in seguito a spinte tettoniche esercitate da un lato dalle Prealpi Bresciane che spingono verso Est e dall’altro dal blocco dei Monti Lessini che spingono verso Ovest. Mentre il Baldo si solleva, si approfondisce la profonda fossa tettonica del Lago di Garda.

VERSIONE PDF

geomorfologia-sezione

Potrebbe interessarti